1995
Waterloo

Waterloo 95

La prima spedizione!!E si vede.
Siamo pieni di entusiasmo, felici addirittura, ma anche un po’ imbarazzati. Costantemente in posa.
Qualcuno dormì in albergo, solo pochi coraggiosi erano già in tenda.
E la sera, a cena, in borghese. Ci si vergognava ancora ad andare in giro in divisa.
Si riconoscono alcuni vecchi amici molto più giovani, altri che ci commuovono e nemici-amici (il 71st Highlanders) che abbiamo poi ritrovato mille volte.
C’è anche qualche foto del “campo di patate” dove i Prussiani ci misero in fuga ignominiosa, realmente terrorizzati dal muro di baionette che ci veniva addosso.
Ma il passaggio dell’Imperatore con la sua scorta fece volare i nostri cuori, così come orgogliosamente partecipammo alla sfilata.
Testimonianza unica e sconvolgente l’addestramento in palestra , la mattina alle 6, prima di salire sui bus dei russi per poter entrare nel campo di battaglia.
Davvero coraggiosi.
Eterna riconoscenza a Oleg con il quale lì nacque l’amicizia che ancor oggi ci lega.
Tutta la gioia, quasi l’incredulità di esserci si legge bene sulle nostre facce stravolte dopo la battaglia.
Ed era solo l’inizio.